E’ IL FESTIVAL DEL GOL A LIDO: 3 A 3

On 20 Ottobre 2019

Bozzato regala sul gong un pareggio che forse sta anche stretto al Goc

Nessuno può dire che i punti finora raccolti dal Goc non siano sudati e sofferti. A Lido, come contro il Pontecorr, serve un’altra gara da fuochi d’artificio e da continui ribaltoni per portare a casa un punto. Risultato che, nonostante abbia visto il Goc sempre di rincorsa, sta forse anche stretto agli ospiti.
In avvio, infatti, sono proprio questi ultimi ad avere il pallino del gioco in mano e le migliori azioni da gol, tutte capitate ad un Ciucur meno preciso del solito. Al 5′ minuto il capocannoniere del Goc viene favorito da un rimpallo al limite, entra in area con il destro, non il suo piede preferito, e da posizione invitante calcia largo, graziando il Lido. Due minuti dopo ancora Ciucur, questa volta in fase di rifinitura, mette dalla destra un cross teso a giro che scavalca il portiere di casa e si stampa sulla traversa. Al 17′ sempre Ciucur, in scambio volante con Manente al limite dell’area, si gira all’altezza dei sedici metri e calcia al volo una conclusione potente ma centrale, che Ballarini respinge. Nessuna traccia del Lido nei primi 25 minuti. Ma, come già successo in altre occasioni, alla prima conclusione gli avversari del Goc trovano la rete. Al 28′ Gavagnin, esterno basso bravo a proporsi anche in fase offensiva, scambia stretto sul lato sinistro dell’area con Piccolo, penetra tra le maglie ospiti e trafigge un Rossetti inoperoso fino a quel momento. Dopo il gol il Goc accusa il colpo e il Lido prova ad approfittarne andando vicinissimo al raddoppio con un colpo di testa di Rossi che spreca da due passi un cross da corner. Sul finire di primo tempo ancora Gavagin si rende pericoloso penetrando in area da sinistra e costringendo agli straordinari prima Rossetti in uscita bassa e poi Nigro. Il secondo tempo riparte con un’altra occasione enorme per il Goc: Manente riceve in attacco sulla sinistra e, al limite dell’area piccola, schiaccia troppo una conclusione con il destro senza nemmeno inquadrare la porta. Il Lido, senza strafare, controlla e addirittura raddoppia. Piccolo, sugli sviluppi di un corner, pesca Cester lasciato colpevolmente solo in piena area. Il centrale del Lido, di testa, segna un facile gol. Mister Montemurro, dà una scossa ai suoi ragazzi mettendo in campo Bozzato e Cassiani per Novi e Ciucur. Cambi che saranno decisivi. Al 22′ Cassiani si fa vedere subito in area, ma il suo tiro è sbilenco. Al 25′ Regini, da sinistra, mette una bella palla in area su cui si fionda di testa Bozzato che riapre i giochi sul 2 a 1. Al 28′ il Goc ottiene una punizione sulla trequarti offensiva. Dal Compare invece di calciare mette una palla filtrante all’altezza del dischetto. Manente aggira la marcatura e, da due passi, appoggia comodo il pareggio per il Goc. Gli ospiti continuano a spingere approfittando di un Lido calato di molto nella ripresa. Gli ultimi dieci minuti vedono specialmente Cassiani fare il bello e cattivo tempo sulla sinistra, senza però, riuscire a concretizzare le occasioni prodotte. E ancora una volta la sorte si beffa del Goc. Un campanile dalla sinistra arriva dritto sulla linea di porta. Rossetti esce in presa alta, ma è ostacolato da Tomaello e dagli attaccanti del Lido; ferma la palla che rimbalza sfortunatamente sulla linea e poi, tra il groviglio di giocatori, finisce in porta senza che si capisca di chi sia l’ultima deviazione. Un “gollonzo” del genere spezzerebbe le gambe al Goc, che in questa stagione si è trovato sempre a rincorrere. E invece proprio all’ultimo minuto di recupero Manente, spalle alla porta, riceve da fallo laterale e alza rovesciando in area un cross alto: la palla raggiunge Bozzato che non ci pensa su e spinge di forza la palla in rete. Un pareggio più che meritato, anzi…forse anche stretto.
Domenica prossima, in casa, arriva la Sacra Famiglia, attuale capolista. Una partita sicuramente difficile, sulla carta, come lo sono tutte quest’anno. Quindi…crederci sempre. Fino all’ultimo respiro.
Sempre #forzagoc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *